La sapienza della Croce nel pensiero e nella testimonianza del Beato Giovanni Paolo II (2012/1)

La Sapienza della Croce  (XXVII) n.1 Gennaio-Aprile 2012

Istruzioni per acquisti con carta di credito

(l’editoriale e le recensioni sono parti integranti della rivista e non sono vendute singolarmente)


EDITORIALE

La Sapienza della Croce e il Papa Wojtyla
di FERNANDO TACCONE cp (pp.5-8)

 

SALUTI

Giovanni Paolo II, storia di una vocazione
S.Ecc. Mons. 
ENRICO DAL COVOLO sdb (pp.21-27)

Giovanni Paolo II e il carisma passionista
Rev.mo P.OTTAVIANO D’EGIDIO cp (pp. 29-32)

 

 

La spiritualità della Passione e il mistero pasquale
Cardinal KAROL WOJTILA (pp.9-20)

La spiritualità della passione e quella della Risurrezione, senza dubbio, meritano di essere ampiamente e solidamente studiate. Il presente articolo non pretende di essere un tale studio. Vogliamo piuttosto racco-gliere ed ordinare le riflessioni che ci vengono suggerite dalla figura del primo passionista, San Paolo della Croce per conoscere meglio questo Santo  attraverso i libri Hunter of souls, St Paul of the Cross di Edmund Burke ep. e La mystique de la Passion di Stanislas Breton, professore all’Istituto Cattolico di Parigi.

STUDI

La sapienza della croce nella vita del beato Giovanni Paolo II
S. Em. Cardinal GEORGES MARIE MARTIN COTTIER op (pp. 33-43)

L’espressione sapienza della Croce ha il suo fondamento nella prima lettera di San paolo ai Corinzi (1, 18-31-2). L’Apostolo non è venuto predicare une sapienza “umana”, che l’uomo da a se stesso. A questa forma di sapienza oppone il discorso della Croce che è stoltezza “per quelli che vanno in perdizione, ma per quelli che si salvano, per noi, è potenza di Dio”.

Le fonti della Salvifici Doloris e loro dimensione staurologica
MARIO FEDELE COLLU cp (pp. 45-71)

La ricerca sulle fonti ha portato a scoprire come, la Salvifici Doloris, oltre alla Scrittura, al Magistero, alla Teologia spirituale, dipenda profondamente anche dalla esperienza personale di sofferenza di Giovanni Paolo II. La testimonianza offerta dalla sua vita è l’argomento decisivo per la validità del suo insegnamento: soffrire per Cristo, con Cristo e in Cristo, per partecipare con lui alla sua gloria. Le sue stesse parole, pronunciate durante la sua visita in Inghilterra, nella Cattedrale di Southwark, il 28 maggio 1982, ne sono la migliore interpretazione: «È proprio perché ho sperimentato la sofferenza che sono in grado di affermare con sempre maggior convinzione ciò che S. Paolo dice: “Né morte, né vita, né angeli né altre autorità o potenza celeste, né il presente né l’avvenire, né le forze del cielo né le forze della terra, niente e nessuno ci potrà strappare da quell’amore che Dio ci ha rivelato in Cristo Gesù, nostro Signore” (Rm 8,36-39)».


Giovanni Paolo II e la sofferenza (meditazione)
S. Em. Cardinal ANGELO COMASTRI (pp. 73-81)

Una riflessione di S. Em. cardinal Angelo Comastri sulla figura di Giovanni Paolo II.


La sapienza della croce nel magistero di Giovanni Paolo II
GILFREDO MARENGO (pp. 83-110)

Una conoscenza anche superficiale del magistero di Giovanni Paolo II mostra quanto sia difficile offrirne una lettura sintetica: lo impedisce non solo la mole di testi prodotti nel suo lunghissimo pontificato, ma anche la grande varietà di temi e suggestioni, la complessa articolazione della sua produzione che facilmente rischia di essere ricondotta in unum in forma schematica ed inca-pace di renderne tutta la ricchezza e fecondità. Per questi motivi, il presente contributo si concentra su un ambito ben delineato dell’insegnamento del Papa, individuato da due criteri, uno interno al corpus magisteriale e l’altro suggerito da una circostanza storica, di non poca importanza nel presente della vita della Chiesa.


TAVOLA ROTONDA

Cristo rende appassionante ogni fase della vita
CIRO BENEDETTINI cp  (pp. 111-120)

Il messaggio di Giovanni Paolo II nella debolezza della malattia
ALDO MARIA VALLI (pp. 121-127)

Il coraggio umano-cristiano di Giovanni Paolo II nella debolezza della malattia
SAVERIO GAETA (pp. 129-134)

La presentazione e i due interventi svoltisi al convegno della Sapienza della Croce 2012, in cui i due giornalisti,  Aldo Maria Valli e Saverio Gaeta, intervistati da P. Ciro Benedettini cp, osservatori attenti e competenti del pontificato di Giovanni Paolo II, commentano la figura del papa ora Beato.

 

(l’editoriale e le recensioni sono parti integranti della rivista e non sono vendute singolarmente)